Addio padre e madre addio

Autore: Sconosciuto                                    Anno  1916

Addio padre e madre addio, che per la guerra mi tocca di partir, ma che fu triste il mio destino, che per l'Italia mi tocca morir.

Quando fui stato in terra austriaca
subito l'ordine a me l'arriv˛,
si dÓ l'assalto la baionetta in canna,
addirittura un macello divent˛.

E fui ferito, ma una palla al petto,
e i miei compagni li vedo a fuggir
ed io per terra rimasi costretto
mentre quel chiodo lo vedo a ventr.

" Fermati o chiodo, che sto per morire, pensa a una moglie che piange per me ", ma quell'infame col cuore crudele col suo pugnale morire mi fÚ.

Sian maledetti quei giovani studenti
che hanno studiato e la guerra voluto,
hanno gettato l'Italia nel lutto
per cento anni dolor sentirÓ.

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito