Dimmi, bel giovane

Autore: Sconosciuto                                    Anno  1920

Dimmi, bel giovane
onesto e biondo,
dimmi la patria
tua qual .

Adoro il popolo,
la mia patria il mondo,
il pensier libero
la mia fe'.

La casa di chi l'abita,
un vile chi lo ignora;
il tempo dei filosofi,
la terra di chi la lavora.

Addio mia bella
casetta, addio
madre amatissma
e genitor.

Io pugno intrepido
per la Comune,
come Leonida
sapr morir.

La casa di chi l'abita...

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito