L’orologio del dottor Guida

Autore: Canzoniere pisano Anno: 1969

 L’orologio del dottor Guida e fermato a quei tempi lÓ; lui lo porta sempre al polso, non lo vuole riparar, non lo vuole, non lo vuole, non lo vuole ripar. 

Le lancette si son fermate quando cadde l’oppressore: il fascismo fu abbattuto ma rimase il buon questore, ma rimase, ma rimase, ma rimare il buon questore.

Cominci˛ la sua carriera praticando un gran mestiere: ai gloriosi antifascisti lui faceva da carceriere, lui faceva, lui faceva, lui faceva da carceriere.

 Uomo duro e ben tagliato, con le idee molte chiare, a Milano Ŕ arrivato per la calma riportare, per la calma, per la calma, per la calma riportare.

 E consulta il suo orologio, fermo ancora a quei tempi, e vorrebbe dare esempi come fece in quei dý, come fece, come fece. come fece in quei dý.

 Ma i tempi non son pi¨ quelli dei purganti e manganelli e Milano griderÓ:

Repressione non passerÓ, repressione, repressione, repressione non passerÓ!

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito