Ninna nanna della guerra

Autore: Trilussa Anno  1914

Ninna nanna, nanna ninna,/ er pupetto vò la zinna,/ dormi dormi cocco bello,/ se no chiamo Farfarello,/ Farfarello e Gujermone/ che se mette a pecorone,
Gujermone e Cecco Peppe/ che s'aregge co' le zeppe:
co' le zeppe de un impero/ mezzo giallo e mezzo nero;/ ninna nanna pija sonno,/ che se dormi nun vedrai/ tante infamie e tanti guai/ che succedeno ner monno.
Fra le spade e li fucili/ de li popoli civili.
Ninna nanna, tu non senti/ li sospiri e li lamenti/ de la gente che se scanna/ per un matto che comanna,/ che comanna e che s'ammazza/ a vantaggio de la razza.
O a vantaggio de una fede, per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo/ ar sovrano macellaro;/ che quer covo d'assassini/ che c'insanguina la tera/ sa benone che la guera/ è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse/ pe li ladri de le borse.
Fa la ninna, cocco bello,/ finché dura 'sto macello,/ fa la ninna che domani/ rivedremo li sovrani/ che se scambieno la stima,/ boni amici come prima;
so' cuggini e fra parenti/ nun se fanno complimenti!
Torneranno più cordiali/ li rapporti personali/ e, riuniti infra de loro,/ senza l'ombra de un rimorso,/ ce faranno un ber discorso/ su la pace e sur lavoro/ pe' quer popolo cojone/ risparmiato dar cannone. 

Scarica il testo zippato

Home | Indice Alfabetico | Indice Periodo | Canti rivoluzionari nel mondo | Tour Alfabetico A -L | Tour Alfabetico M-Z | Credits | Siti Gemellati Manda un testo al sito |Scrivi i tuoi suggerimenti

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito
 
 
Riservato