Sa brigata sassaresa

Autore: P. Marotto Anno 1920 circa

Cussos de sa brigata sassaresa/ c'hana vattu sa gherra europea/ c˛ntana ancora s'intrepida impresa;
Comente vin trattÓdoso in trincea,/ sena iscarpas, bestýrese, alimÚntoso/ affrantos de sa bellicosa idae;
furib¨ndoso in sos cumbattimÚntoso,/ sena connoscher bene sa res˛ne/ d'inumanos massacros, tradimÚntoso;
e Lenýn, cun sa Rivoluzione,/ c'haýad fattu sa gherra vinire/ in d'una gherradore Nazione.
Si domandaini: a chie obedire?/ comente si devýan cumportare?/ cale vin sos nemigos de bocchire?
It'est su chi podýan balanzare/ sos p˛veros pastores de Sardigna/ da cussu orrendu iscuntru militare?
Lis han finas promissu sa cunsigna/ de sas terra c'haýana tancadu/ chent'annos prima sa zente maligna;
ma cand0hana sa gherra terminadu/ cun s'isconfitta 'e sos Astros-UngÓroso,/ nen tribagliu nen terra lis gan dadu;
sos riccos fin prus riccos prus avÓroso,/ ca bendýana s'anzenu sudore/ -male pagadu- a prezios cÓroso;
narÓini a su sordadu pastore/ chi sa curpa 'e sa sua povertade/ vi s'isciopero 'e su tribagliadore;
e lon hana mandÓdoso in cittade/ pro vagher gherra a sos iscioperantes/ chi pedýana paghe e libertade.
Ma Gramsci narada a soso militantes/ de sa classe operaia: sos sordados/ sardos s'annan cun sos tribagliantes;
cand'ischin chie sus sos isfruttÓdoso/ e chie sune sos isfruttad˛rese,/ si pentin cussos chi los han mandÓdoso.
Infattis, chene gloria e onores,/ dae Torinu los han trasferidos, ca no hanu obbedidu a sos signores.
Sos operaios tantu agguerridos/ su noighentosvinti hana occupadu/ sas fÓbbricas, cumpatt˛so e unýdos;
Torinu viada su puntu avanzadu/ in sa lotta de s'occupazione,/ ca vi da Gramsci bene organizzadu;
ma pro sa vera liberazione/ dae s'insfruttamentu padronale/ bi gherýad sa rivoluzione;
e no han decretadu in generale/ s'isciopero, sos capos riformistas, pr'imponner sa giustizia sociale.
Dae Torinu sos Ordinovistas/ naraina: Custu est su monumentu/ de abbolire sos capitalistas,
sinono ha a leare supravventu/ su capitale cun sa prepotenzia,/ seminende terrore e ispaventu;
unu sistema de delinquenzia/ pro tantu tempu hada a cancellare/ de su socialismu s'esistenzia.
E Gramsci non podýada isbagliare.

Quelli della brigata Sassari, che hanno fatto la guerra europea, raccontano ancora l'intrepida impresa; di come erano trattati in trincea, senza scarpe, vestiti ed alimenti, affranti dalla bellicosa idea; furibondi nei combattimenti, senza conoscere bene la ragione d'inumani massacri e tradimenti. E Lenin, con la Rivoluzione, aveva fatto finire la guerra in una nazione belligerante. Si domandavano: a chi ubbidire? Come si dovevano comportare? Quali erano i nemici da uccidere? Che cosa ci potevano guadagnare i poveri pastori di Sardegna da quell'orrendo scontro militare? Ci avevano promesso la consegna delle terre, che aveva recintato cent'anni prima la gente maligna; ma quando hanno terminato la guerra con la sconfitta degli Austro-Ungarici, nÚ lavoro nÚ terra ci hanno dato; i ricchi erano pi¨ ricchi e pi¨ avari, perchÚ vendevano a caro prezzo l'altrui sudore pagato male. Dicevano al soldato-pastore che la colpa della sua povertÓ era lo sciopero del lavoratore , e li hanno mandato in cittÓ per fare guerra agli scioperanti che chiedevano pace e libertÓ. Ma Gramscibdice ai militanti della classe operaia: i soldati sardi si uniscano ai lavoratori; quando sapranno chi sono gli sfruttati e chi sono gli sfruttatori, si pentiranno quelli che li hanno mandati; infatti senza gloria nÚ onore, da Torino li hanno trasferiti perchÚ non hanno obbedito ai signori, Gli operai tanto agguerriti, nel Novecentoventi hanno occupato le fabbriche, compatti e uniti; Torino era il centro avanzati nella lotta per l'occupazione, perchÚ era da Gramsci bene organizzato; ma per la vera liberazione dallo sfruttamento padronale ci voleva la rivoluzione; e non han decretato, in generale, lo sciopero - i capi riformisti - per imporre la giustizia sociale. Da Torino gli Ordinovisti dicevano: questo Ŕ il momento di abolire i capitalisti, altrimenti prenderÓ il sopravvento il capitale con la prepotenza, seminando terrore e spavento: un sistema di delinquenza per tanto tempo vi pu˛ cancellare del socialismo l'esistenza; e Gramsci non poteva sbagliare.

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito
 
 
Riservato