Su patriotu sardu a sos feudatarios

Autore: F. Manno    Anno 1794

Procurade e moderare,/ barones, sa tirannia,/ chi si no, pro vida mia,/ torrades a pe in terra./ Declarada es' già sa gherra/ contra de sa prepotenzia/ e cominza sa passienzia, in su pòbulu a faltare.

Mirade chi est azzendende/ contra de 'ois su fogu;/ mirade chi no es' giogu/ chi sa cosa andat 'e veras,/ mirade chi sas aéras/ minettana temporale;/ zente consirzata male,/ iscultade sa 'oghe mia.
No apprettedas s'isprone/ a su poveru runzinu,/ si no in mesu caminu/ s'arrempellat appuradu:/ minzi ch'es' lanzu e cansadu/ e no nde pode' piùsu;/ finalmente a fundu in susu/ s'imbastu nd'hat a bettare.
Su pobulu ch'in profundu/ letargu fì sepultadu,/ finalmente despertadu/ s'abbizza ch'est in cadena,/ ch'ista' suffrende sa pena/ de s'indolenzia antiga:/ feudu, legge inimiga/ a bona filosofia.
Che ch'esseret una 'inza,/ una tanca, unu cunzadu,/ sas biddas hana donadu/ de regalu o bendissione;/ comente unu cumone/ de bestias berveghinas/ sos homines e feminas/ han bendidu cun sa cria.
Pro pagas mizas de liras,/ e tale 'olta pro niente, isclavas eternamente/ tantas pobulassiones,/ e migliares de persones/ servint a unu tiranu,/ Poveru generu humanu,/ povera Sarda zenia!
Deghe o doighi familias/ s'han partidu sa Sardigna,/ de una manera indigna/ si nde sun fattas pobiddas;/ divididu s'han sas biddas/ in sa zega antighidade:/ però sa presente edade/ lu pensa' rimediare.
Nasche' su Sardu soggettu/ a milli cumandamentos:/ tributos e pagamentos/ chi faghet a su segnore/ in bestiames  e laòre/ in dinari e in natura;/ e paga' pro sa pastura,/ e paga' pro laorare.
Meda innantis de sos feudos/ esistiana sas biddas,/ e issas fini pobiddas/ de saltos e bidathònes./ Comente a bois, barones,/ sa cosa anzena es' passada?/ Cuddu chi bo' l'ha dada/ nun bo' la podia' dare.
No es' mai presumibile/ chi voluntariamente/ happa' sa povera zente/ zebidu a tale deruttu;/ su titulu "ergo" est' infettu/ de infeudassione,/ ei sas biddas rejone/ tenen de l'impugnare….

Cercate di moderare la tirannia, o baroni, perché altrimenti, per la mia vita, rimettete i piedi in terra! Contro la prepotenza è già preparata la guerra e nel popolo comincia a mancare la pazienza.
Badate che il fuoco si sta già accendendo contro di voi, badate che non è un gioco e che le cose si fanno sul serio, badate che le arie minacciano tempesta. Gente malconsigliata ascolta la mia voce.
Non continuate a dar di sprone contro il povero ronzino, perché altrimenti vi s'impunta in mezzo alla strada esausto; badate che è magro e malconcio e non ne può  più e alla fine getterà il basto capovolto.
Il popolo che era sepolto in profondo letargo, finalmente destato destato si accorge di essere in catene e di soffrire la pena dell'antica indolenza. Feudo, istituto avverso ad ogni buona filosofia!
Come si baratta una vigna, un pascolo o un podere, così hanno dato i paesi in regalo o in vendita; come una mandria di bestie pecorine venduto gli uomini e le donne con la figliolanza.
Per poche migliaia di lire, e talvolta per niente, tante popolazioni sono eternamente schiave e migliaia di persone sono asservite a un tiranno! Povero genere umano, povera generazione sarda!
Dieci o dodici famiglie si sono divise la Sardegna, se ne sono fatte padrone in maniera indegna; si sono divisi i paesi nella cieca antichità; però la nostra epoca pensa di rimediare a tutto ciò.
Il Sardo nasce soggetto a mille comandamenti; da al Signore tributi e pagamenti in bestiame e grano, in denaro e in natura; e paga per il pascolo e paga per coltivare.
Molto prima dei feudi esistevano i comuni che erano padroni di pascoli e di campi seminati. Come è passata nelle vostre mani, o baroni, la roba altrui? Colui che ve l'ha data non ve la poteva dare.

Non si potrà mai credere che la povera gente abbia ceduto volontariamente i propri diritti. Dunque i titoli di possesso dono infetti d'infeudazione, e i comuni hanno ragione d'impugnarli.     

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito
 
 
Riservato