Dagli Appennini alle bande

Lui cercava per l mondo la famiglia

e di notte lavorava alla candela

difendeva sempre l nme dell'Italia

e la nonna dai briganti proteggeva

e saliva sopra gli alberi pi alti

per pigliare al volo i colpi dei nemici

ragazzini come lui ce n'eran molti

scalzi e laceri eppur eran felici

 

E parlavano di lui, scrivevano di lui ,

lo facevano pi bamba e che bambino

e parlavano di lui, scrivevano di lui

s, ma lui rimane sempre clandestino

 

Ora pare che il suo nome sia teppista

fricchettone criminal-provocatore

pare che ami travestirsi da sinistra

ma sa un docile strumento del terrore

e lo beccano ogni tanto che si buca

o maneggia un po' nervoso una pistola

o che lancia da una moto sempre in fuga

una molotov sull'uscio della scuola

 

Ora parlano di lui e scrivono d lui

lo psicologo il  sociologo il cretino

e parlano di lui e scrivono d lui

ma lui rimane sempre clandestino

 

E si dice: se ci fosse pi lavoro

se il quartiere somigliasse meno a un lager

non farebbe certo il cercatore d'oro

assalendo il fattorino delle paghe

ma la merce che c' entrata nei polmoni

e ci d il suo ritmo d respirazione

il lavoro non ci rende mica buoni

ci fa cose che poi chiamano “persone”

 

E se parlano di lu, se scrivono di lui

che il nostro sogno e’ ancora piccolino

E parlano di lu e scrivono di lui

e che e’ nostro e lui ci resta clandestino…

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito