Canto dei Deportati

Testo inserito da Sara

 

Autore: anonimo                                 Anno < 1945?

 

Fosco Ŕ il cielo sul livore
di paludi senza fin
tutto intorno Ŕ giÓ morto o muore
per dar gloria agli aguzzin.

Sul suolo desolato
con ritmo disperato zappiam.

Una rete spinosa serra
il deserto in cui moriam
non un fiore su questa terra
non un trillo in cielo udiam.

Sul suolo...

Botte grida lamenti e pianti
sentinelle notte e di'
suon di passi di mitra e schianti
e la morte a chi fuggi'.

Sul suolo...

Pure un giorno la sospirata
primavera tornerÓ
dei tormenti la desiata
libertÓ rifiorirÓ.

Dai campi del dolore
rinascerÓ la vita doman

Dai campi del dolore
rinascerÓ la vita doman

 

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito
 
 
Riservato