Il canto dei minatori

Testo inserito da Annalisa

 Autore: GP. Bigazzi, A. Bigazzi      Periodo 1978

 

Pane, pace e libertÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

 

I minatori non scendono stamani

In galleria a scavare la lignite

A sudare e morire come cani

Per le sorti del fascio ormai finite.

 

Pane, pace e libertÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

 

Non pi¨ lignite, mai! Dalla miniera

Per il tedesco e il fascista lurco

Non pi¨ lignite per la carogna nera

Che schiuma rabbia e bestemmia come un turco.

 

 

Pane, pace e libertÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

 

 

Tornate a lavorare e poi badate

a quel che fate, sporchi disfattisti

ma le braccia rimangono incrociate

non son spariti – no – i comunisti!

 

 

Pane, pace e libertÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

Chi c’Ŕ cascato un giorno

Mai pi¨ ci cascherÓ!

 

Scarica il testo zippato

 
Novità - Dischi - Spettacoli
Scarica Spartiti di lotta in PDF
Motore di ricerca interno al sito